Europa, requiescat in pace

Fino al 1914 il termine “civiltà” non aveva plurale: esisteva “la” civiltà e altri modi di vivere, generalmente ritenuti incivili. “La” civiltà era europea, l’Europa era il simbolo della civiltà. Gli europei erano considerati gli unici esseri civili del pianeta. Questa visione eurocentrica del mondo era suffragata dal fatto che l’Europa era il centro del mondo, gli altri paesi erano colonie europee o ex-colonie europee o troppo distanti dall’Europa per essere considerati rilevanti.

Gli eventi storici avevano origine e si svolgevano in Europa, avendo come protagonisti paesi europei, Così le guerre e successive paci, i trattati internazionali, gli intrighi e le vicende che coinvolgevano i regnanti, eccetera.

Questo stato di cose lasciò nel giro di un trentennio il posto a una situazione completamente diversa: dopo il 1945, il mondo era dominato da due superpotenze, USA e URSS, dai loro alleati e da un certo numero di paesi “non allineati”. Quanto all’Europa, [...]

Arrivo a Chicago

Forse, i miei amici del blog potranno essere interessati al racconto del mio benvenuto all’università di Chicago. Eccolo.

Dopo aver vinto la borsa di studio e aver fatto male il TOEFL (esame d’inglese come lingua straniera), mi preparai all’idea di partire. La fondazione che mi aveva dato la borsa, convinta che non parlando bene l’inglese [...]

Ferocia islamista e libertà personali

Le bestie nazi-islamiste che hanno compiuto l’orrenda mattanza di innocenti a Parigi hanno confermato i timori da me ripetutamente espressi anche su questo blog. Le loro atrocità avranno, forse, anche conseguenze positive se faranno aprire gli occhi ai leader occidentali, costringendoli a prendere le misure necessarie a fronteggiare la grave minaccia [...]

Aiuto! In Italia è tornato il fascismo

Nella convinzione che, forse, qualcuno dei frequentatori di questo blog possa trovarne interessante la lettura, posto questo altro pezzetto delle mie “memorie”, che temo non finirò mai di scrivere.

L’11 giugno 1994 m’insediai alla Farnesina, succedendo a Leopoldo Elia, ministro degli Esteri per i quindici giorni precedenti. Ho raccontato [...]

Come ho conosciuto Milton Friedman

Ritengo che i frequentatori di questo blog possano gradire questa paginetta tratta dalle mie memorie che, al ritmo con cui procedono, temo non vedranno mai la luce.

Avendo vinto una borsa di studio Harkness, feci domanda alle università di Harvard e Chicago. Fui ammesso da entrambe, ma decisi di andare a Chicago per studiare con Milton Friedman. [...]