Adnkronos, 29 marzo 2012

PUBBLICATO IL IN Stampa - COMMENTI (13)

PDL: MARTINO, LISTE? AMMINISTRATIVE SOLO TEST LOCALE, BERLUSCONI NE RESTI FUORI =
SCENDERE IN CAMPO SAREBBE COME SPARARE CON CANNONE A UNA
MOSCA...

Roma, 29 mar. (Adnkronos) - ''E' semplicemente nostalgia del
'94...''. Antonio Martino, ex tessera numero due di Forza Italia e
berlusconiano doc, guarda compiaciuto al proliferare tra le file
pidielline di associazioni che si richiamano allo spirito del '94,
quello della discesa in campo di Silvio Berlusconi con Forza Italia.
''La verita' -dice all'Adnkronos l'economista del Pdl- e' che la
maggioranza degli italiani ha creduto e dato fiducia al programma
liberale e ai valori promossi da Berlusconi quando e' nata Forza
Italia. E con lo stesso programma Berlusconi ha vinto 3 elezioni e
quasi una quarta''.

Martino considera le amministrative un test locale e non e'
preoccupato dalle liste civiche sul modello di 'Forza Veneto', ma
esprime qualche perplessita' sulla scelta di sanzionare i 'dissidenti'
di Verona. ''Le liste civiche? Per le amministrative facciano quel che
vogliano, hanno un significato soprattutto locale'', assicura
l'esponente azzurro. ''Non so se le elezioni andranno male. E'
possibile che vadano male, ma di solito per questo tipo di elezioni si
sommano tavolini e sedie...'', dice con una battuta citando il caso di
Palermo.

In queste ore tanti tirano per la giacca il Cavaliere, ma
Martino consiglia all'ex premier di tenersi defilato in vista della
campagna elettorale per il voto di primavera: ''Spetta solo a lui
decidere, ma e' come usare un cannone per sparare a una mosca...''.
(segue)

PDL: MARTINO, LISTE? AMMINISTRATIVE SOLO TEST LOCALE, BERLUSCONI NE RESTI FUORI (2) =
SANZIONI CONTRO 'DISSIDENTI' VERONA? DA LIBERALE SEMPRE STATO
CONTRARIO A PUNIZIONI

(Adnkronos) - ''Una discesa in campo di Berlusconi per le
elezioni di maggio -avverte- potrebbe significare sciupare
un'occasione. Del resto, spetta solo a lui decidere quando, quanto e
come impegnarsi''. Martino e' convinto che le amministrative sono un
test locale che non ha un significato politico a livello nazionale:
''Basti pensare al caso di Palermo. Come si fa qui a dare
un'interpretazione che valga per la politica nazionale?''.

Il deputato azzurro torna poi sullla vicenda di Verona e
commenta cosi' la decisione di via dell'Umilta' di sospendere dal
partito chi ha preferito sostenere il leghista Flavio Tosi, Martino:
''Da liberale sono sempre stato contrario alle punizioni in generale,
spero che comunque con chiunque si possa ricucire'', aggiunge.

(Vam/Zn/Adnkronos)
29-MAR-12 16:16