Archivio della categoria: Economia Italiana

Vittimismo ingiustificato

Domenica 6 febbraio in un articolo di prima pagina sul Sole 24 ore Giuliano Amato denuncia “il profluvio di dichiarazioni, articoli, anatemi e scongiuri” che si sarebbe scatenato attorno alla sua idea di imposta una tantum. Denuncia anche di essere stato fatto oggetto “com’è normale in questa Italia rissosa, di dileggio personale e di excursus [...]

Non scherzate col fuoco!

La proposta di Pellegrino Capaldo, di tassare le plusvalenze immobiliari con aliquote comprese fra il cinque e il 20 per cento mi ha fatto ringiovanire di oltre trent’anni. Sono tornato con la mente a una stagione gloriosa per noi liberali: la fine degli anni Settanta e l’inizio del più formidabile trentennio di liberalizzazione, crescita economica [...]

Patrimoniale? No, grazie

Il primo a essere colpito da questa nuova, grande idea è stato (i casi della vita!) Giuliano Amato che ha indicato quella che, come tutti avrebbero dovuto sapere da sempre, è la soluzione ottima: per abbattere lo stock di debito pubblico, basterebbe un’imposta patrimoniale a carico di tutti gli italiani. “Il nostro debito totale ammonta a circa [...]

Concertazione alla fine?

La vicenda dei contratti Fiat di Pomigliano e Mirafiori ha scatenato un’enorme quantità di commenti, che hanno occupato per giorni quasi tutti i quotidiani e gli altri organi di stampa. Si è parlato di una rivoluzione che ha investito il mondo delle relazioni industriali e che sembra destinata a contagiare la politica, di un’americanizzazione [...]

Cavour economista liberale

Discorso tenuto ad Asti il 15 Ottobre 2010

Quasi esattamente dieci anni orsono, il 22 settembre del 2000, venni invitato qui ad Asti a ricordare il centenario della morte di Isacco Artom. In quell’occasione iniziai il mio discorso con queste parole:
Il conte di Cavour, ministro della marina, dell’agricoltura e del commercio del Regno di Sardegna, [...]